Statistiche
Contatti:      Presidente - lessonabiketeam@libero.it                      Webmaster - info@lessonabiketeam.it
Archivio Foto
Prodotti Home Sponsor La Storia La Scuola di MTB Il Team Tesseramento A.S.D. Lessona Bike Team
12 luglio 2015 Casapinta XC Vai alla Pagina
Attenzione: Sono state istituite nuove categorie per i tesserati ACSI Saranno in vigore dal 01.01.2016 Abbiamo allegato un documento .pdf Prendete buona nota!  
Corso di Mountain Bike 2016 Abbiamo creato una nuova pagina con tutte le informazioni relative al corso. Per la pagina cliccare in alto a sinistra sul pulsante “La scuola di MTB”.
XC Delle Pietre bianche A Villereggia va in scena la 4^ prova di Coppa Primavera. Lunedì 25 aprile - Villareggia (To) Una giornata soleggiata e decisamente fresca ha accolto circa 80 partenti per questa 4^ prova di Coppa Primavera ACSI, valevole anche come Coppa canavese e Campionato XC Torino.  Un tracciato veramente bello, caratterizzato da un paio di salite brevi ma impegnative e divertenti singletrack che si lanciavano nel bosco della bassa Serra Morenica senza mai incontrare tratti pericolosi. Questo anello di quasi sei chilometri portava la firma del Pedale Pazzo di Borgo D’Ale, dove ha anche curato tutta la parte organizzativa delle’ evento e l’immancabile Gianni Riconda, con cronometro alla mano, ha stilato la classifica in maniera impeccabile. Nel nostro team eravamo presenti con: Marovino Andrea 6° vet1 Gallone Mauro 7° Gent1 Pipistrelli Massimiliano 8° Vet2 Una foratura ai primi km mette fuori gioco Cappelletto Raffaele.
XC Dei Marock Domenica 1 maggio - Tremosine (Bs) Trasferta bresciana domenica primo maggio per 5 dei nostri biker, accompagnati dalla Presidente, per partecipare alla 5° edizione dell'XC dei Marock, gara nazionale di XC e 3° prova della bellissima Bresciacup, un circuito che dovrebbe essere preso di esempio da molti per la bellezza delle gare e per la qualità organizzativa. La prova di Tremosine, nonostante sia un po' sfortunata sotto il profilo meteo, sta riscuotendo sempre più consensi tra i biker e adesso sappiamo perchè: puntualità, organizzazione, ordine e percorso collaudato ma spettacolare e divertente sono ingredienti di sicuro successo su cui scommettere per il futuro. Armi e bagagli caricati sul furgone ci siamo trasferiti nella suggestiva frazione Vesio di Tremosine per provare il percorso già nel pomeriggio di sabato per prendere confidenza con i tratti più rock del tracciato. Dopo il dovere ci siamo concessi anche un po' di piacere grazie al nostro fornitore ufficiale di aperitivi Alefan che, dall'alto della sua esperienza decennale di biker, aveva saggiamente riempito il suo inseparabile frighetto porta uova con ampie dosi di integratori proteico-salini e, coadiuvato dal nostro maestro di cerimonie Atisc, non hanno lesinato consigli sulla corretta alimentazione pre-gara. Rifocillati dalla cena e ristorati dal buon sonno, i primi ad entrare in griglia sono stati Atisc e Alessio che hanno rispettivamente colto la 17° posizione tra gli M4 e la 11° tra gli M5. All'una poi è toccato anche agli M2
Coppa Primavera ACSI Domenica 1 maggio freddo e pioggia a Burolo (To) Gara di Burolo: Pioggia, ufficialmente dichiarata gara bagnata. Si parte verso le 7.30, muso dell'auto in direzione Burolo, piove, perfetto, vado, cosi il Raf non c'e', ci sara' poca gente, cosi prendo un po' di punti nella coppa primavera e stacco il Raf..... non fa una piega..... arrivo a Burolo con circa 5 gradi, vado ad iscrivermi e chi trovo??? il raf!!!!! cazz.... ha fatto il mio stesso ragionamento, piove magari il mauro non viene..... (Raf, mi conosci da 25 anni, sai bene che ho molta meno cognizione di te....), comunque soliti preparativi, olii riscaldanti vari, bombe varie, si mette il numero, tutto con calma, tanto piove, dove vuoi andare.... poi un occhiata all'orologio e.... cazz.... 9.20!!!!! in sella al volo e pedalata agile fino alla linea di partenza..... 1 km di riscaldamento..... pronti via con caterpillar gianni Riconda, che ci fa le raccomandazioni di usare un po' di buon senso, e ci annuncia che il percorso e' stato modificato per via delle condizioni meteo, mi hanno tolto la diagonale cazz... e si parte come sempre in salita su asfalto, per andare ad affrontare il sentiero in cresta, tengo un po' il passo di raf, ma poco dopo lui allunga, io devo stare nel mio, non ce n'e'.... si va, poca ressa, siamo partiti in 36 circa, unica partenza, il buon senso ce lo ha messo il meteo, pioviggina per tutta la gara..... comunque si sale sul solito sentiero, senza intoppi, poi una discesina di dieci mt con radici e fosso da fare con attenzione, ma senza problemi, e invece di proseguire per la diagonale, si devia in discesa, personalmente da qui in poi il percorso non mi e' piaciuto, piuttosto anonimo, ma purtroppo variante dettata dal meteo... si scende su una larga sterrata, un po' di asfalto, si risale, si scende in un praticello con traccia fangosa piuttosto scivoloso, da stare attenti, per andare poi all'arrivo tutto su asfalto, da qui via per gli altri 3 giri.... praticamente ho corso sempre solo.... comunque alla fine un buon quarto posto per me, e terzo per Raf, un paio di minuti all'arrivo prima di me, e comunque in due abbiamo fatto il quarto posto per la squadra..... oggi comunque sia, non abbiamo superato la linea che divide il buon senso dall'incoscienza..... forse lassu', qualcuno ci vuole ancora ben! Mauro Gallone
Granfondo Città di Novara Uno strepitoso Marco Ioppa si piazza 50mo assoluto Domenica 8 maggio - Novara Si è svolta la Granfondo di Novara, tre i percorsi disegnati tra le province di Novara, Vercelli e Biella: il granfondo, da 173 chilometri e 2154 metri di dislivello, il mediofondo, da 148 chilometri e 1829 metri di dislivello, e il corto, da 125 chilometri e 889 metri di dislivello, io ovviamente sono partito con l’idea di fare il giro lungo  pur  non avendo mai fatto cosi tanti km in una volta sola. Circa 1700 concorrenti si sono presentati in griglia di partenza e alle 9.00 in punto viene dato lo start dal centro della città di Novara, la corsa parte subito forte anche perché prima di trovare le prime salite bisogna percorrere 50km di pianura e quindi la velocità era molto alta. Arrivati a Curino iniziava la prima salita che scollinava alla Colma di Baltigati per poi
Marcello Bergamo MTB Cup Il Master arriva a Roppolo su un tracciato fantastico. Domenica 8 maggio - Roppolo - San Vitale (Bi) Una domenica uggiosa, con venticello fresco ha aperto la giornata agonistica del M.B. MTB Cup o meglio conosciuto come Master MTB. Circa 120 i partenti su quattro e tre giri in un tracciato ricavato nella bassa Serra Morenica interamente immerso nel verde con zero asfalto. L’organizzazione è sempre delle migliori con il Pedale Pazzo e Gianni Riconda a dirigere l’orchestra. Il nostro team è arrivato in forze con 10 atleti: 31 °Fangazio Alessio 8° Gent2 - Tempo migliore in 1:31:16 46° Cappelletto Raffaele 11° Gent1 54° Gallone Mauro 13° Gent1 55° Pipistrelli Massimiliano 13° vet2 58° Marovino Andrea 11° Vet1 68° Romito Ermanno 16° Gent1 - Nuovo arrivato in squadra. Ritirato Rotta Maurizio per una caduta e bici danneggiata. Nei tre giri: 19° Cagni Anselmo 7° Gent2 - Tempo migliore in 1:14:10 38° Bianchetti Renè 6°SuperB 39° Grendene Monica 4^ donne B
con la 7° posizione di Andrea. Ultimi a partire, in compagnia di alcuni dei più forti Open nazionali, sono stati i nostri giovani MasterElite con Amedeo 6° tra gli ME1 e Marco 9° tra gli ME2. Una buona trasferta quindi che ha portato importanti punti top class a tutti i nostri portacolori utili per posizionamenti più avanzati nelle prossime gare. Andrea Perini
scendere a Ponzone e risalire a Trivero, dopo una bella discesa si arrivava ai piedi dell’Alpe Noveis dove ci aspettavano 9 km di salita abbastanza impegnativi e successivamente altrettanti km di discesa per arrivare a Coggiola, qui bisognava fare molta attenzione per il fondo strada sconnesso. Dopo un tratto di trasferimento di circa 13 km che ci portava alla penultima salita “la più impegnativa” che da Quarona saliva fino a S. Bernardo di Breia,  mi fermo per un breve ristoro prima di lanciarmi giù in discesa con destinazione Borgosesia dove da li a poca iniziava l’ultima salita “Traversagna” e una volta ultimata anche questa per arrivare a Novara mancavano ancora 40 interminabili km di pianura, fatti fortunatamente i compagnia di un piccolo gruppetto con il quale ci si poteva dare il cambio. Taglio il traguardo dopo 5ore e 11minuti in 50° posizione assoluta “del lungo” 10°di categoria ELMT , bella gara da rifare sicuramente. Marco Ioppa
Nei tre giri: Cagni Anselmo 7° Gent2 Depentor Giampiero 8° Gent2 Grendene Monica 3^ Femminile
Candia Canavese Top Class esordienti e allievi 1 maggio - Candia Canavese (To) Una gara durissima caratterizzata dal molto fango e dal percorso impegnativo per i giovani esordienti e i più grandicelli allievi. In questa competizione hanno partecipato: Michele Alsino 16° (allievo) e Lorenzo Brusemini 28° (allievo) PHOTO GALLERY di EZIO
GF del Bramaterra Grande successo per la seconda edizione con una gara dura e selettiva. Domenica 15 maggio - Masserano (Bi) La seconda edizione della GF del Bramaterra, organizzata anche quest’anno dal Racing Team Riverosse, ha spostato la location a Masserano, con un tracciato completamente differente dallo scorso anno ma comunque studiato per toccare tutti i comuni che fanno parte del “Bramaterra”. La giornata si è presentata come una delle migliori, sole e temperature sui venti gradi, ideali per la mtb. Meno ideale è stato il terreno, l’abbondante pioggia caduta durante la settimana ha reso il terreno parecchio pesante nei tratti iniziali nel comune di Masserano per poi trovare delle vere e proprie paludi più in basso nei pressi del Parco Arcobaleno. Entrando nel cuore delle Rive Rosse, il terreno perfettamente drenante non è stato più un problema. Il problema invece è stato l’abbondante dislivello che ha fatto una prima selezione degli atleti, con una scalata fino ai 700mt per poi scendere fino al territorio di Sostegno. Una toccata e fuga in paese per poi dirigersi verso Roasio, attraversando divertenti singletrack. Veramente impegnativi sono stati gli ultimi Km: Il tracciato vedeva la scalata fino alla Madonna degli Angeli di Brusnengo, per poi affrontare una veloce discesa e come ultima fatica, la risalita molto ripida nel paese di Masserano, con relativo attraversamento nel borgo antico. Tutto molto suggestivo che appagava le fatiche dei 47Km per un totale di quasi 1400mt di dislivello. Durante la gara abbiamo visto diverse cadute e molti per guasti tecnici e nel finale di gara parecchi ritiri per crollo fisico. Noi non potevamo mancare, ad affrontare queste difficoltà quattro coraggiosi temerari: In ordine di anzianità partendo dal più vecchio, Mauro Gallone (classe 1966) si piazza 232° 3h31:08 (25° M5) e Andrea Marovino (classe 1975)  210° 3h21:48 (36° M3) hanno condotto una gara al risparmio, con il solo obiettivo di arrivare in fondo senza strafare. L’esperienza è stato il loro punto di forza. Veniamo ai più giovani: Andrea Perini (1980), il più veloce dei quattro, si piazza 28° assoluto e 3° M2 in 2h35:33. Per finire il più giovane, Marco Ioppa (classe 1987) 42° e 10° ELTM in 2h38:21. Importante è stato il supporto dei nostri tesserati, con il presidente Daniela Cornale al cambio borraccia ed un tifo da stadio da fare invidia a molti! PHOTO GALLERY DI GIANNA D. “Provando il percorso settimana scorsa con i ragazzi del team Rive Rosse sapevo che i primi km, nonostante partissi in buona posizione, sarebbero stati intasati in alcuni passaggi stretti del primo tratto sterrato sopra Masserano, nella prima discesa in single track in località Gianadda e nella successiva ripida e insidiosa salita che portava nei pressi del bike park. Il fango in questa prima parte sicuramente non avrebbe aiutato e allora ho provato a portarmi più avanti possibile prima dei punti critici. E' andata bene, ho evitato i tappi che poco dietro di me si sono formati e sono passato indenne senza perdere tempo fino alla salita che, passando prima nei pressi di Vergnago e poi su per i tagliafuoco verso la Valsessera, conduceva al punto più alto del percorso. Da qui il problema era di gestire le forze e evitare forature nella discesa verso Sostegno prima di affrontare quelle che pensavo sarebbero state le due salite critiche, sopra Villa verso cantone Sasso e quella fino alla Madonna degli Angeli. Avevo fatto bene i conti... ma nonostante questo da Casa del Bosco in poi ho dovuto rallentare il passo per evitare i crampi che sentivo arrivare e non ho potuto mantenere la posizione nei single track . Anche l'ultimo strappo che entrava in Masserano non è stato piacevole con le gambe quasi bloccate ma fortunatamente avevo recuperato qualcosa nella discesa a tutta fino all'attraversamento della strada asfaltata di Curino. Non saprei dire se questa versione del tracciato sia stata davvero più facile della precedente, secondo me era più nervoso e magari facile sulla carta ma poteva essere mal interpretato...come è capitato al sottoscritto.” Andrea Perini
CorriCossato Venerdì 12 maggio - Cossato (Bi) Ogni anno, la nostra associazione si offre come apripista.
Gallone
Marovino
Perini
Ioppa
Home
Statistiche
Statistiche